Shift S.p.A.

COMPETITIVITA’ – RISPETTO PER L’AMBIENTE – RESPONSABILITA’

Chi Siamo


La Shift S.p.A. è leader in Sardegna fin dal 2000 nel settore dell’utilizzo in agricoltura dei fanghi di depurazione ai sensi del D.Lgs. 27 gennaio 1992 n°99 e nei servizi di raccolta, trasporto, stoccaggio e smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi provenienti dal ciclo dell’acqua potabile.

Certificazioni di Qualità: UNI EN ISO 9001/2008 e Ambiente 14001:2004.

Il nostro portafoglio clienti vanta una notevole componente pubblica costituita da Comuni, Consorzi Industriali e Gestore Unico dell’A.T.O. nonché un consistente patrimonio di clienti privati quali Caseifici e Cantine Sociali.

"La Shift S.p.A. in costante crescita, si è affermata come azienda di riferimento nei servizi di gestione dei rifiuti speciali non pericolosi derivanti dal ciclo dell’acqua.”
96,47%

Fanghi di depurazione riutilizzati a favore dell’agricoltura.

35,32%

Fanghi recuperati presso aziende produttrici di laterizi e/o ceramiche.

27,18%

Fanghi smaltiti presso discariche autorizzate.




La nostra storia


La Shift S.p.A. nel corso degli anni è cresciuta in maniera costante affermandosi come azienda di riferimento in Sardegna nel settore dell’utilizzo in agricoltura dei fanghi di depurazione e, a seguito dell’acquisto del ramo d’azienda della Terranova Srl, ha intrapreso l’attività di raccolta, trasporto e smaltimento dei fanghi di potabilizzazione gestendo la più parte degli impianti presenti nell’Isola.

Nel 2014 la Shift S.p.A. ha costruito un impianto di “Trattamento e Messa in riserva” ubicato a Sanluri lungo la S.S. 197 Km. 20,00 Loc. Su Coddu e Sa Pira (giusta Autorizzazione Unica della Provincia del Medio Campidano n°0066 del 24/11/2014), appositamente realizzato per:

  • ottemperare alle Direttive Regionali per la gestione e l’autorizzazione all’utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura (D.G.R. 32/71 del 15/09/2010);
  • miscelare ed essiccare i fanghi di potabilizzazione umidi per consentire il raggiungimento del limite di sostanza secca fissato dalla normativa vigente, necessario per lo smaltimento finale;
  • razionalizzare gli aspetti organizzativi delle attività di raccolta, trasporto e smaltimento di vaglio e sabbie rendendo più tempestiva l’erogazione dei servizi attraverso un’apposita area di trasbordo e stoccaggio degli stessi.
image